Testimonianze

iscriviti al nostro gruppo

https://www.facebook.com/groups/669766473572551

“Non riesco a credere quante persone stanno cercando di perdere peso nel modo tradizionale, ma non possono
fare molto.”

Ciao
il mio nome e Costantino.

Posso dire che da piccolo ero un ragazzo debole. Avevo una sensibilità a certi odori e non potevo mangiare
alcuni piatti. Ero anemico, e non mettevo peso, anche se
la mia mamma si assicurava sempre di aver mangiato tutto dal piatto:
“Mangia tutta la pappa, sei debole, sei “pelle e ossa”, fammi mettere un altro cucchiaio, farai muscoli.
Correvo molto, anche se fino all’età di 16 anni non ho mai fatto sport.
Naturalmente mangiavo solo i tipi di cibo che il mio “naso” poteva sopportare.
A 16 anni ho iniziato a fare lotta greco-romana, e dopo un anno gareggiavo. Adesso avevo un certo
peso da mantenere, e stavo seguendo una certa dieta stabilita dagli allenatori. E cosi, mi sono sbarazzato
dei problemi di salute, riuscendo a rimanere nella categoria pesi in qui gareggiavo, e in buona forma fisica
per le competizioni.

Dopo 4 anni ho smesso di fare sport un po’ perché ho cambiato città, un po’ per la pigrizia.
Adesso avevo un grande appetito per il mangiare, e
quando si trattava di gelato, pizza, fast food, mi veniva l’acquolina in bocca.
Al’ età di 33 a 34 anni ero molto grasso,
ma non pensavo che sarebbe stato un problema.
Avevo guadagnato peso nel tempo, non improvvisamente, a causa del mio stile di vita
disorganizzato; poi , mangiavo di tutto – da patatine fritte, 2 cioccolatini o anche 5-6 torte al giorno
, mangiavo a tutte le ore, che fossero le 12 di notte o avessi appena mangiato un’ora prima, non importava.
Mangiavo quello che volevo, quando volevo bevevo tanta coca cola , bibite zuccherate, birra ed energizzanti.
A questo ha contribuito la sedentarietà, pigrizia, viaggi anche a brevi distanze in autobus ,
guardare la T.V. sdraiato, con la ciotola di popcorn o patatine d’avanti.
Avevo dolori articolari e non riuscivo a dormire bene .
Un giorno capitò di incontrare un allenatore di fitness sulla spiaggia di circa quattro anni più grande di me.
Non sapevo che fosse un allenatore.
Abbiamo iniziato una conversazione e tra le varie cose, siamo arrivati al mio peso.
“Cosa vuoi” dico io, ormai sono vecchio! Da una certa età il metabolismo non è più lo stesso.
Quanti anni hai, chiese lui?
36 Rispondo.
Io ho 40 anni. (Pensavo fosse più giovane di me). È vero che il metabolismo non e più come quello di quando
avevi 20 anni, ma se non cambi niente, ti ammali ed è un peccato per la tua giovinezza.
Dimmi, se avessi la scelta tra una bella ragazza e un piatto di pasta, cosa sceglieresti?
Se potessi scegliere di fare una bella foto qui sulla spiaggia, o avere un bicchiere di Coca Cola, cosa sceglieresti?
Se potessi scegliere tra un anno di vita in più e una torta di gelato, cosa sceglieresti?

È stato allora che ho capito di avere un problema.
Devo ammettere che ogni volta che mi pesavo, sapevo chiaramente che non perdevo, ma
aumentavo di peso. Avevo smesso di fare sport da tanto tempo, e mi sembrava difficile anche solo salire due o tre piani
su per le scale.
Fino ad allora, non mi rendevo conto di quanto peso avevo messo su. Quando i miei vestiti “impicciolivano”, compravo altri, e
la vita andava avanti, nel suo corso normale (pensavo io). Non mi ero reso conto che ho cambiato totalmente il guardaroba,
ho gettato più sacchi di vestiti e mi sono rimasti solo poche cose, quello che avevo comprato negli ultimi mesi.

Quel giorno dissi: STOP! Devo fare qualcosa!

Non è la prima volta però che dimagrisco.

Ho perso circa 10 chili che avevo accumulato durante il mio periodo di staggio militare.
, raggiungendo un peso che ho mantenuto per molto tempo. All’epoca ero più giovane, avevo un lavoro fisico
faticoso, andavo tanto in bici e avevo iniziato a fumare

Non era tanto difficile, a tenere una dieta , perché una persona, adulta o bambino,
aveva diritto a solo mezzo pane al giorno ( intorno al 400 g circa), in un paese in qui
il piatto principale non era la pasta .

(Il capo famiglia doveva andare dal manager del negozio di quartiere con il “libro del immobile”,
una lista in cui erano compilati i nomi di coloro che vivevano nel suo immobile, marito, moglie,
bambini, nonni e, se era caso gli inquilini. Il corretto completamento del libro degli immobili era sistematicamente controllato
dal miliziano responsabile della zona e aveva persino un ufficio nel negozio di quartiere. Con i dati ricavati
dal libro immobiliare, si calcolava quanto cibo era dovuto ad ogni famiglia: un chilogrammo di zucchero, uno di riso, uno di mais e uno di farina di grano ,
un litro di olio, 8 uova, un chilogrammo di prodotti, che potevano essere “parizer”(mortadella) o salame
(pieno di soia e molta acqua) un chilo di formaggio, per ogni persona adulta o bambino al mese…e con questo, ciao
“ci vediamo il mese prossimo”!)
Spesso dovevamo andare a prestare un pezzo di pane, una tazza di zucchero o di olio
dagli nostri vicini di casa ma lo dovevamo riportare appena possibile perché sapevamo che anche loro facevano fatica.

È molto difficile invece, perché nel processo di dimagrimento sei solo tu. Sei solo.
Decidi tu e fai le scelte. Molte persone possono aiutarti, come molte persone possono confonderti.
Ma non dipendi da nessuno tranne che da te stesso. Decidi tu se ti lasci ingannare dal fatto che il cioccolato fondente
è meglio, che il pane integrale è più sano,
che il succo di frutta può essere bevuto quando vuoi, che due fette di pizza possono anche essere mangiate di tanto in tanto.
Decidi tu. E tu vivi con le tue decisioni.
È fisicamente doloroso . È frustrante ed è fastidioso.
A volte sembra impossibile. Ma non ci sono scorciatoie.
Per sbarazzarmi del peso in più, ho rinunciato alla carne di maiale, e come vi stavo dicendo, è stato davvero difficile ,
anche perché con il tempo, l’ho sostituita con alimenti ricchi di carboidrati, grassi e zucchero.
Ho smesso di fumare! Poi ho iniziato lentamente a ingrassare di nuovo…

Un programma con un piano compensi

Ho fatto un po’ di ricerche prima di scegliere questo programma e unirmi a questa attività, e ho scelto di intraprendere
questo percorso perché
secondo me é un attività meritocratica, semplice, basata sul rispetto delle persone, che mette la salute al primo piano,
che crea interazioni con persone al livello internazionale, un azienda che rispetta l’ambiente,
che ha un piano compensi considerevole.
Pertanto, ho iniziato la dieta che ho ricevuto tramite il corriere a casa.
Un kit chiamato Starter Body, basato su un test genetico personalizzato che estrae informazioni sulle
preferenze del mio cibo e dell’attività fisica, un programma personalizzato, basato su codice genetico personale.

Inizialmente ho detto: Provo! Se riesco a sbarazzarmi di qualche chilo, va comunque bene!
Poi mi sono reso conto che funzionava “alla grande” e sono diventato ancora più motivato.

In questo modo ho perso 6 chili in 4 mesi. Questo dovuto all’ambiente positivo e alle persone speciali che mi hanno guidato.
, un team di professionisti che mi ha aiutato a diventare la migliore versione di me stesso.
Un corpo sano significa una vita più lunga, libera da malattie. Per non parlare del fatto che la mia vita sessuale
e migliorata in modo significativo, non sudo più abbondantemente, e adesso dormo meglio.
In futuro, voglio avere uno stile di vita sano, voglio continuare a fare sport e far ricomparire
la tartaruga sulla pancia.

I prodotti fanno parte di un programma per la perdita del peso, basato sui analisi del DNA
con risultati fantastici

Per sapere di più:

. per sapere di più

Vedi anche:

Programma per la perdita del peso

.

vedi anche:

Come creare un business e vivere la vita nello stesso tempo

domande e risposte